Libri: Nel nostro fuoco di Maura Chiulli

Urticante, inesorabile, bruciante come solo certe opere di vera poesia sanno essere. E fanno male.

Il libro “Nel nostro fuoco” di Maura Chiulli è insieme un viaggio nel dolore e un salto nel vuoto. Quando ci si ferma, quando si atterra si può riprovare a vivere, ma arrivare dall’altra parte, in un sè maturo è una lotta senza esclusioni di colpi. E nella lotta per diventare finalmente adulti, il nostro peggior nemico siamo noi stessi.

La scrittrice riesce ad entrare nell’anima, anzi come suggerisce il titolo, nel fuoco dei due protagonisti e ci restituisce un racconto diretto che descrive le paure e le solitudini di Tommaso e di Elena. Il loro amore amplierà il terrore di Tommaso che davanti alla disabilità e al silenzio di Nina, la loro bambina, fuggirà.

La trama del libro è qui: Hacca Edizioni ma credo questo libro vada letto, oltre che per la storia che racconta, sopratutto perché la voce della scrittrice è un urlo che merita attenzione. In un panorama letterario, spesso votato al buono, in certi casi all’annacquato, questo libro è prezioso, diretto, persino brutale. Eppure è vero. Essenziale. Abbiamo bisogno di scrittrici che sappiano scavare così nell’animo umano, che abbiano il coraggio di nominare emozioni cattive che ci portino all’estremo per poi afferrarci e riportarci indietro.
Sono ipnotizzata dalla lettura proprio come capita davanti ad uno spettacolo di fuoco. Impaurita e attratta, allo stesso tempo.
Maura Chiulli è una scrittrice di estremi, può non piacere certo, ma è necessario leggerla. E’ importante che abbia voce e forza, per noi lettori sopratutto.

Chiulli-OKMC

{lang: 'it'}

Di notte, leggere.

Di notte, leggere.

In silenzio,  ascoltare parole.

Rollare il suono di una frase.

Penetrare nella materia, fatta di carta,

spessa, d’acciaio.

Vivere di luce riflessa eppure reale.

Tutto diventa primario.

Di notte, leggere.

 

 

 

 

{lang: 'it'}

Storia di Simona – Il tempo dell’attesa – Gennaio 2019

La storia più apprezzata della settimana su Facebook  è “Il tempo dell’attesa ” pubblicata sul n. 2 di Confidenze.

La trovate a questo link : BLOG CONFIDENZE

Im tempo dell'attesa - Gennaio 2019 - pag. 1 Im tempo dell'attesa - Pag.2 Gennaio 2019

{lang: 'it'}

Storia di Laura e Cherry – Unica e per sempre mia – Novembre 2018

La storia più apprezzata della settimana su Facebook  è “Unica e per sempre mia Cherry” pubblicata sul n. 46 di Confidenze.

La trovate a questo link : BLOG CONFIDENZE

Storia di Laura e Cherry - Novembre 2018_Pagina_1 Storia di Laura e Cherry - Novembre 2018_Pagina_2

{lang: 'it'}

Libri: Indagine su Eichmann di Fabio Galluccio

Sono nata nel 1972. Esattamente 10 anni dopo la morte di Eichmann, condannato a morte in Israele nel 1962, e 30 anni dopo che i nazisti iniziarono il programma su vasta scala, organizzato in ogni dettaglio, dello sterminio degli ebrei. Poi di anni ne sono seguiti ancori oltre 40 e ancora non sappiamo esattamente cosa abbia fatto, dove sia stato uno dei più importanti gerarchi nazisti nel periodo del dopoguerra a quello della sua cattura. E’ possibile capire i suoi movimenti in Argentina dove si recò nel 1950, ma ciò che avvenne tra il 1945 e il 1950, resta oscuro.
Fabio Galluccio prova con il suo libro ad aprire uno squarcio su una storia nascosta e a quanto pare impenetrabile. E così scopro con grande stupore che Eichmann è stato per quasi 4 anni in una località dell’Appennino tosco-emiliano. proprio lì dove furono più cruenti gli scontri tra partigiani e repubblichini e tedeschi.
E scopro anche che a nessuno è venuto in mente di approfondire il soggiorno di Eichmann in Italia, anche ai puntuali e attenti agenti israeliani che pure andarono a prelevarlo a forza fino in Argentina. Neppure c’è traccia del suo passaggio italiano nel libro di Hannah Arendt – La banlità del male che pure ha seguito la vicenda giudiziaria del criminale Eichmann molto da vicino.

La lettura di questo libro è necessaria perché fa sorgere decine di domande.
Fabio Galluccio con una sua personale ricerca pone qualche pietra a sostegno di un “edificio di verità” che ancora deve essere scritto e lancia anche delle ipotesi che andrebbero seguite e scandagliate ben bene. Per amore di verità ma anche per far crescere (e sarebbe ora) quella che dovrebbe essere la coscienza critica del paese verso uno dei periodi più bui della storia. Sarebbe il momento di iniziare a interrogarci su chi davvero siamo stati noi italiani e su quanto abbiamo “partecipato” volontariamente o involontariamente alla barbarie della 2° guerra mondiale.
Quando capiremo chi siamo stati, potremo iniziare a vedere il futuro più chiaramente.

Consiglio anche la visione dei film citati nel libro, in particolare quello sul procuratore Fritz Bauer.

indagine-su-eichmann

{lang: 'it'}

Storia di Miriam – Il cammino del silenzio – Agosto 2018

Storia di Miriam - Il cammino del silenzio - Agosto 2018_Pagina_1 Storia di Miriam - Il cammino del silenzio - Agosto 2018_Pagina_2 Storia di Miriam - Il cammino del silenzio - Agosto 2018_Pagina_3

{lang: 'it'}

In Polonia agli Europei 2012 – IO e Andrea – Agosto 2018

Storia di Giovanna - Viaggio in Polonia -Europei 2012 Agosto 2018_Pagina_1 Storia di Giovanna - Viaggio in Polonia -Europei 2012 Agosto 2018_Pagina_2

{lang: 'it'}

Storia di Marzia – L’amico di mio marito – Settembre 2018

Storia di Marzia - Settembre 2018_Pagina_1 Storia di Marzia - Settembre 2018_Pagina_2

{lang: 'it'}

Libri: Il lettore di Bernhard Schlink

Grazie a un consiglio di lettura di Tiziana Pasetti per Confidenze ho incontrato “Il lettore” di Schlink. E’ stato un colpo di fulmine. Inaspettato e violento, toccante e disturbante. Tutto allo stesso tempo.
La storia tra un ragazzino e una donna matura negli anni ’50 in Germania si intreccia con i conti che le generazioni tedesche post seconda guerra mondiale hanno dovuto fare con il nazismo. Ci sono tanti nodi in questo libro e non si sciolgono. Non possono sciogliersi. Accettare il crimine della Shoah non è possibile. Si può e si deve sapere, ma non c’è modo di trovare una qualsiasi forma di riscatto, neanche dopo anni. Coloro che da dentro vissero il Nazismo potevano fare qualcosa? Potevano reagire? Essere anche solo spettatori di quanto è accaduto significa essere conniventi? E se poi si è partecipato all’Olocausto in maniera attiva? Si è colpevoli lo stesso anche se si sono eseguiti degli ordini? L’accettazione passiva è perdonabile o solo comprensibile? Le altre mille domande che scaturiscano dalle domande precedenti, secondo me, non hanno e non avranno risposta. La Banalità del male di Hannah Arendt è l’unico approccio possibile , ma non è una risposta.

E poi dopo tutto o tra tutto o anzi sopra tutto c’è l’amore. Non cercato, incestuoso quasi, spavaldo e al di sopra anche della cattiveria umana. L’amore come elevazione da tutto ciò che di brutto, perfino mostruoso, c’è in ogni essere umano.
E sull’amore l’unico quesito possibile o forse l’unica certezza … Non scegliamo mai di chi innamorarci

{lang: 'it'}

Storia di Mirella – Un’amica speciale – Luglio 2018

Storia di Mirella - Luglio 2018 Storia di Mirella 1- Luglio 2018 (1)

{lang: 'it'}