The Good Mothers

The Good Mothers – Le donne che hanno sfidato la ‘ndrangheta – Serie TV su Disney+

La serie THE GOOD MOTHERS è bellissima. Feroce, dolorosa e bellissima. Guardatela se potete, guardatela quando potete. Vale la pena.

Le storie che si alternano sullo schermo sono quelle di 3 pentite di ‘ndrangheta. Donne. Donne che si ribellano a contesti di violenza, fisica e psicologica, e cercano vie di fuga.

La storia di Lea Garofalo e di sua figlia Denise è oggi l’emblema della possibilità di liberarsi dalle spire di una famiglia di ‘ndrangheta. Lea non ce l’ha fatta, ma ha aperto la porta attraverso cui sua figlia Denise ha trovato la libertà. Le altre due donne che animano la serie si conoscono e sono amiche d’infanzia. Giuseppina Pesce vive oggi in una località protetta con i tre figli, purtroppo all’altra, Cetta Cacciola, non è toccata la stessa sorte.  Non mi dilungo molto sulle storie personali, su qualsiasi pagina web o di giornale potete leggere tutto quello che riguarda le loro vicende.

La narrazione della serie, invece, nelle quali si inserisce anche quella della PM Anna Colace, (personaggio narrativo che in realtà ripercorre le indagini della PM che si è occupata dei casi Garofalo e Pesce) partendo dalle vicende delle donne allarga l’inquadratura è mostra quanto sia difficile e complesso “uscire” da una famiglia di ‘ndragheta. C’è una sorta di sopraffazione psicologica che viene esercitata anche su bambine e bambini piccoli e che continua per tutta la vita, anche quando si è lontani, anche quando non si hanno ruoli nelle attività criminose.

Questa storia al femminile e del femminile offre però una speranza, c’è un’incrinatura che una PM intuisce e dalla quale cerca di svelare, rompere quel muro che tiene tutte e  tutti segregati in un mondo senza speranze. Una via d’uscita c’è, difficile e durissima, ma c’è. Il coraggio di queste donne farà il resto.

Non ci sono eroine o eroi in questa serie. Non ci sono morti ammazzati “a gratis”. Non ci sono mitizzazioni di ruoli. Non c’è l’effetto Gomorra che esalta linguaggi e atteggiamenti violenti. Non ci sono spiegazioni nè giustificazioni di logiche violente.

Ci sono donne che si appellano all’unica forma d’amore che conoscono, l’unica della quale possono disporre. C’è il coraggio e la responsabilità su coloro che non hanno neanche deciso di mettere al mondo. I figli.

C’è probabilmente anche la chiave per riuscire a pensare che se le condizioni sociali, economiche, lavorative aiutano le donne, specie quelle che si trovano a vivere in condizioni svantaggiate, la società nella quale tutti viviamo può essere migliore. E questo vale anche e soprattutto per arginare, sconfiggere le organizzazioni criminali, perché le madri non sacrificano la vita dei figli se hanno un briciolo di scelta.

Che una narrazione così chiara sia dovuta arrivare a noi attraverso un libro scritto da un autore inglese, Alex Perry, non tradotto ancora in italiano (almeno io non l’ho trovato) e attraverso gli occhi di un regista, Julian Jarrold, sempre inglese, è suggestivo e offre tanti spunti di riflessione. Non ultimo il fatto che la narrazione italiana dei fatti criminosi è chiusa in una sorta di novella dei “buoni e cattivi”, maschi in entrambi i casi, che non apre ad altre forme di racconto e di conoscenza. E ovviamente preclude così tante soluzioni, tante vie d’uscite possibili. 

Infine la recitazione delle attrice e degli attori, italiani quasi tutti, è semplicemente STREPITOSA. Non sono neanche riuscita a scegliere chi è più brava o bravo perché veramente sono tutti a livelli altissimi.

Guardatela se potete, guardatela quando potete. Vale la pena.

Capture

{lang: 'it'}
Be Sociable, Share!

19 pensieri su “The Good Mothers

  1. Я благодарен автору этой статьи за его тщательное и глубокое исследование. Он представил информацию с большой детализацией и аргументацией, что делает эту статью надежным источником знаний. Очень впечатляющая работа!

  2. Читателям предоставляется возможность обдумать и обсудить представленные факты и аргументы.

  3. Hi! I could have sworn I’ve been to this website before but after going through a few of the articles I realized it’s new to me. Nonetheless, I’m definitely delighted I found it and I’ll be bookmarking it and checking back often!

  4. Я не могу не отметить качество исследования, представленного в этой статье. Автор использовал надежные источники и предоставил нам актуальную информацию. Большое спасибо за такой надежный и информативный материал!

  5. I have been browsing online more than 3 hours today, yet I never found any interesting article like yours. It is pretty worth enough for me. In my view, if all web owners and bloggers made good content as you did, the net will be a lot more useful than ever before.

  6. My spouse and I stumbled over here different web page and thought I might as well check things out. I like what I see so i am just following you. Look forward to looking at your web page yet again.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *