Libro: Gli occhi più azzurri – Le storie vere dei Treni dei Bambini di Simona Cappiello

Ci sono storie che hanno gambe forti con le quali percorrono grandi distanze e ci sono invece altre storie che non andrebbero oltre la memoria di chi le ha vissute. Storie nascoste, timide, che hanno pudore a raccontarsi. Per farle emergere hanno bisogno di qualcuno che gli dia voce, coraggio e che sappia andare oltre le barriere, anche quelle della storia.

Simona Cappiello è stata una di quelle persone che ha “scoperto” la storia dei Treni dei Bambini e l’ha presa per mano, raccolto tutte le informazioni e i documenti possibili e gli ha dato voce.
E’ partita dall’emeroteca e dagli archivi di Stato di Napoli e piano piano è emersa una storia di incredibile solidarietà, una storia di unità tra Nord e Sud che l’ha portata a girare quasi tutta Italia per trovare fonti e luoghi. In un momento di assoluta crisi sociale ed economica qual era quello del dopoguerra, un gruppo di persone illuminate, per la maggior parte donne, si erano preoccupate degli ultimi, i bambini poveri e poverissimi e, con uno sforzo di coraggio che sfida persino la temerarietà, si erano preoccupate del loro futuro. Era necessario combattere la fame e far frequentare le scuole a questi bambini per far sì che potessero crescere in salute, sia fisica che mentale. E allora la rete di solidarietà sotterranea si è messa in moto, e attraverso i collegamenti con il Partito Comunista, le famiglie e le persone del Nord che potevano avevano dato disponibilità ad ospitare i bambini che ne avevano bisogno. Organizzare treni da Napoli che raggiungessero Modena, Bologna, Novara, Ancona o altre città del nord fu un’altra impresa. Gaetano Macchiaroli, che divenne poi un noto editore, Litza e Maurizio Valenzi, che fu poi sindaco di Napoli, Luciana Viviani, prima tra le donne in Parlamento, allora tutti appena venticinquenni, misero in piedi una grande opera di sostegno sociale. Infine ci fu da trovare i bambini da far partire. All’inizio fu difficile perché, nonostante l’assoluta indigenza nella quale vivevano le famiglie dei quartieri poveri di Napoli, spesso senza neanche un tetto sotto il quale ripararsi a seguito dei bombardamenti, non fu facile convincere i genitori a lasciar partire i propri figli. Sulla pericolosità e sui pregiudizi che circolavano su quei treni che avrebbero portato via per sempre i bambini in Russia e tante altre notizie false, che oggi chiameremo fake news, se ne sentirono di tutti i colori, ma in quelle mamme prevalse la necessità di assicurare del cibo caldo e un tetto vero ai propri bambini.

Il libro offre anche la posibilità di vedere un documentario attravers un QR.CODE.

A questo link, troverete il bellisismo incontro che abbiamo avuto online:

Incontro con Simona Cappiello

Buona lettura e buona visione

Copertina Gli Occhi più azzurri

 

 

{lang: 'it'}
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *