L’isola

Qualsiasi cosa sia,
qualsiasi cosa accada,
qualsiasi cosa arrivi
tu ci sei!

Sei lì, nell’isola.
In quel mare, a difesa
dove ti ho nascosto da tutti.
Sei lì per me.

La meraviglia che mi assale
ogni qualvolta ti ritrovo lì,
reale e tangibile, é profonda
più della barriera che ti protegge.

I confini del mio cuore.

{lang: 'it'}

L’attesa

 

I minuti cadono sulle spalle.

Sordi e pieni,

si accumulano.

Gli attimi appiattiscono la testa.

Ritmici e ossessionanti

si addensano.

Il peso è indecente.

{lang: 'it'}

Le giornate senza memoria

 

Quando la memoria va
si apre su un panorama
si ferma su un odore
si esalta su un’emozione.

Mai scoverà
il nulla delle giornate normali
una sull’altra avvinghiate
indistingubili una dall’altra.

E più si ammonticchiano
più si somigliano.
E più diventano
più se ne perdono.

I ricordi, il tempo vanno
lasciando solamente
una grande spossatezza di membra
ed un’insensata voglia di piangere.

{lang: 'it'}

Asincrono

Avevo una notizia importante,
un dolore pesante,
una sensazione ingombrante,
una voglia pressante.
Qualsiasi cosa, era per te
e diventava senso e realtà,
trasformava il mondo
in semplice e leggero.
Tutto era, prima, per te
E adesso?
Ho ancora tante cose da dire
ma non ti trovo.
Il tempo non coincide
i nostri passi sfalsati
uno avanti e l’altro indietro
l’altro indietro e uno avanti.
E vorrei ritornare
e vorrei rivedere
e vorrei riscoprire
e vorrei ridere.
Ho un mare di cose da dividere
vorrei il tempo della sincronia.

{lang: 'it'}

Nel mio favoloso mondo

Nel mio favoloso mondo
non ci sono porte
non ci sono finestre
non ci sono mura.

Nel mio favoloso mondo
non ci sono estranei
non ci sono bugie
non ci sono cattiverie.

Nel mio favoloso mondo
chiunque può entrare
munito di lasciapassare
acquistato dal proprietario.

Nel mio favoloso mondo
é tutto in tondo
troneggia il cuore
immemore, fa quel che vuole.

{lang: 'it'}